Il gioco è riservato ai maggiorenni e può creare dipendenza.
Consulta le Probabilità di vincita     Conc. GAD: 15001

Texas Hold’em

Il Texas Hold'em è la variante del poker più giocata in tutto il mondo. Se vuoi entrare nel mondo del poker, questo è il gioco giusto con il quale iniziare.
Il gioco si compone di 4 round di puntate: pre-flop, flop, turn e river. Più avanti vedremo i vari round nel dettaglio.
All'inizio di ogni mano, il mazzo viene mescolato, i blind (le prime puntate, dette anche ‘buio’ e ‘controbuio’) vengono messi nel piatto, ad ogni partecipante vengono distribuite due carte coperte e inizia un giro di puntate limitato a una puntata e un massimo tre rilanci (per le modalità di gioco limit).
Finito il giro, il dealer (il mazziere) scoprirà tre carte al centro del tavolo. Queste carte costituiscono il flop, sono carte comuni e possono essere usate da tutti i giocatori per combinarle con le proprie carte coperte in modo da ottenere il miglior punteggio possibile.
Dopo il flop segue un altro giro di puntate. Nei giochi con i limiti questo è l'ultimo round con il limite basso, dopo di questo le puntate e i rilanci avranno un limite più alto.
Il dealer scopre la quarta carta scoperta sul tavolo (turn), anche questa è comune e può essere usata da tutti i giocatori.
Comincia un terzo giro di puntate con un limite più alto (nei giochi che prevedono la presenza dei limiti). Finito il round viene scoperta l'ultima carta comune a tutti i giocatori (river).
Inizia il quarto ed ultimo giro di puntate. Finite le puntate il piatto viene assegnato a chi detiene la mano migliore.
Il dealer si muove di una postazione in senso orario, i blind vengono immessi e un'altra mano comincia.

A seguire una breve lista dei termini più utilizzati durante una partita di Texas Hold'em.

Azioni

Scommettere, indica il turno del giocatore che può scegliere se puntare, chiamare/vedere, rilanciare o abbandonare.

Punto di luce

Un raggio di luce che segnala ed evidenzia il giocatore di turno.

Puntata, Gioca , Rilancio, Passa

Le opzioni del giocatore durante il suo turno: ‘abbandona’ quando viene buttata la mano e si lascia il gioco; ‘vedi’ per rimanere in gioco senza inserire ulteriori puntate nel piatto, o nell’eventualità, ‘chiama’ per partecipare inserendo l'ammontare della puntata.
Il primo giocatore che punta è lo scommettitore. Dopo la prima puntata i giocatori hanno la possibilità di chiamare la puntata (inserire la cifra che corrisponde alla puntata nel piatto), rilanciare (aggiungere una somma uguale o doppia a quella nel piatto in base al tipo di gioco) o abbandonare (butta via la mano e si esclude dal gioco).
Dopo un rilancio i giocatori hanno 3 possibilità: chiamare il rilancio, rilanciare nuovamente o abbandonare il gioco.

Bui (BLINDS)

Sono le puntate che i due giocatori alla sinistra del mazziere sono obbligati ad effettuare. Sono due puntate dette small blind e big blind (in italiano ‘buio’ e ‘controbuio’) che si effettuano prima della distribuzione delle carte.

Flop

Dopo il primo round di puntate il dealer dispone tre carte sul tavolo scoperte. Queste carte sono comuni ed utilizzabili da tutti i giocatori.

Carte comuni

Sono le carte scoperte disposte al centro del tavolo. Possono essere usate da ogni giocatore per fare punteggio associandole alle proprie due carte coperte.

Il bottone del Dealer

È un bottone contraddistindo da una "D" che ruota sul tavolo in senso orario. Le carte vengono distribuite in senso orario partendo dal giocatore immediatamente alla sinistra del dealer. Alla fine della mano, quando viene assegnato il piatto al vincitore, il dealer si sposta sul giocatore immediatamente alla sinistra di quello che lo deteneva precedentemente. Questo succede in quanto c’è un vantaggio nell’essere l’ultimo di turno, dunque,per ottenere una certa equità ad ogni mano il primo turno spetta a un giocatore diverso dalla mano precedente.

Il piatto

È dove vengono collezionate le puntate e i rilanci; di solito viene posizionato al centro del tavolo, i partecipanti giocano per vincere il piatto.

Turn

La carta TURN è la quarta carta scoperta e comune posizionata sul tavolo dopo che il giro di puntate del flop si è concluso. Il giro di puntate del TURN è il terzo round.

River

L’ultimo giro di puntate e l’ultima, la quinta, carta scoperta comune. Alla fine del RIVER la mano si conclude e il piatto viene assegnato al vincitore.


A seguire una dimostrazione dettagliata della modalità di gioco Texas Hold’em.

Scuola di poker 1

Nel Texas Hold’em e nell’Omaha c’è un vantaggio nell’essere l’ultimo giocatore di turno, ovvero essere al corrente delle mosse degli altri giocatori prima di decidere come muoversi. Per questo le carte vengono distribuite e il turno inizia dalla postazione immediatamente successiva a quella del dealer che, in ogni nuova mano, ruota in senso orario per assicurare equità per tutti i giocatori.
All’inizio di ogni mano di Texas Hold’em le carte vengono mescolate, il dealer viene posizionato davanti a un giocatore, vengono puntati i blind e vengono distribuite 2 carte coperte a tutti i partecipanti, partendo dal giocatore seduto alla sinistra del dealer. Le due carte coperte sono private ed utilizzabili esclusivamente dai loro possessori.
Dopo la distribuzione delle carte inizia il giro pre-flop di puntate. In questo round, e solo in questo, le puntate cominciano dal primo giocatore seduto alla sinistra (in senso orario) del controbuio (Big Blind). Nei round successivi il turno comincia dal giocatore alla sinistra del dealer. Negli hold’em con limiti il controbuio (Big Blind) corrisponde allo Small Bet. Il buio (Small Blind) corrisponde alla metà del controbuio (Big Blind).

Nel nostro esempio le poste sono 0,25€/0,50€. Il controbuio è di 0,50€ mentre il buio 0,25€, ossia metà del controbuio.
In questo caso il giocatore Nando detiene il dealer, per cui David posta il buio e Gilbert il controbuio.
Dalla grafica puoi notare che il giocatore Abigail è il primo di turno e ha abbandonato il gioco, infatti non ci sono carte di fronte a lui.
Il giocatore successivo chiama il controbuio e il giocatore Rocky con un ottimo asso-re in mano rilancia il controbuio. Ora il turno è di Nando che può decidere se chiamare il rilancio, rilanciare nuovamente o abbandonare il gioco.
Finito questo giro di puntate il dealer distribuisce 3 carte (il flop) scoperte e comuni sul tavolo.

Consigli per principianti

L’errore più frequente nel Texas Hold’em è quello di giocare troppe mani nel pre-flop. Cerca di essere selettivo con quello che hai in mano prima del flop. I giocatori professionisti abbandonano più mani di quelle che giocano fino in fondo.

Flop

Scuola di poker 2

Nel Texas Hold’em, 5 carte scoperte comuni vengono disposte sul tavolo. Le prime tre di queste vengono chiamate FLOP e vengono svelate sul tavolo appena il giro di puntate pre-flop è terminato. Le carte comuni possono essere utilizzate da tutti i giocatori per combinarle con le proprie due coperte per cercare di ottenere il miglior punteggio possibile.
A volte solo utilizzando le carte comuni e nessuna tra le due coperte si ottiene il miglior punteggio. Altre volte il giocatore utilizzerà 4 carte comuni e una delle sue coperte, molto più spesso verranno usate 3 carte dal tavolo ed entrambe le carte coperte per ottenere la migliore mano.
Nel nostro esempio il giocatore Nando ha un tris: i due 7 che ha in mano più il 7 sul tavolo.
Il puntatore mostra che è il turno del giocatore Gilbert che può vedere, puntare o abbandonare.

Finito il round un’altra carta (turn) verrà scoperta sul tavolo e ci sarà un altro giro di puntate

Consigli per principianti

Nel nostro esempio il giocatore Kelly ha un tris di 7 e dunque è assolutamente consigliabile di continuare a giocare. Se le tre carte del flop non si legano con le vostre 2 private e quest’ultime non sono una coppia alta è preferibile abbandonare il gioco. Durante il flop ogni giocatore ha 5 carte su 7 e senza una mano forte o un’alta probabilità di ottenerla non è saggio continuare a buttare soldi nel piatto.

Turn

Scuola di poker 3

Nei giochi con limiti le poste si raddoppiano durante il turn. Nel nostro esempio è un 0.25€/0.50€ per cui tutte le puntate e i rilanci saranno di 0.50€ durante il turn e il river.
Finito il round del turn la carta river, l’ultima, viene scoperta e messa sul tavolo. L’ultimo giro di puntate inizia.
Ad ogni giocatore è consentito mettersi in pausa senza perdere la propria postazione per 3 mani, che corrispondono a cinque minuti circa. Se la pausa dovesse durare più a lungo verrà rimosso dal tavolo e il valore delle sue fiches verranno riaccreditate nel suo conto.

In tutti i giochi per soldi si paga una piccola tassa (rake) trattenuta dalla casa a titolo di commissione per il fatto di ospitare il gioco; la tassa genericamente corrisponde al 6% delle puntate con un massimale di 5 euro per partita. Esempio: se le puntate della partita ammontano ad 80€, il rake generato per quella partita sarà di 4,80€, se le puntate di una partita ammontano a 100€ il rake sarà di 5€, se le puntata ammontano a 200€ la rake sarà sempre di 5€.

Il rake inizia ad incrementarsi solo dal flop in poi. In caso di piatti molto piccoli l'arrotondamento del rake può variare per motivi tecnici.

 

Nell'esempio, Nando potrebbe abbandonare la mano, vedere o puntare. Ma con un tris di sette è probabile che punti.

Consigli per principianti:

Durante il turn le poste sono raddoppiate per cui i giocatori devono riflettere maggiormente sul rimanere in gioco o meno.

River

Scuola di poker 4

L’ultima carta, chiamata river, viene scoperta e ne seguirà l’ultimo giro di puntate.
Una volta concluso il river, il piatto viene assegnato al giocatore con il punteggio più alto in mano.
Nei tavoli Limit, durante il river, come nel turn, tutte le puntate e i rilanci hanno un limite più alto, in questo caso 0.50 €. Nell’esempio sono rimasti in gioco in cinque. I giocatori decidono di vedere e il turno passa a Nando, che avendo in mano Full di sette, molto probabilmente punterà.

Consigli per principianti:

In presenza di un piatto sostanzioso durante il river, i giocatori devono valutare i pot-odds (il rapporto tra l'ammontare del piatto ed il valore della puntata richiesta per entrarvi) per comprendere il valore di una puntata, una chiamata o anche un bluff.
Cerca di essere molto selettivo nel decidere quali mani giocare.
Impara a riconoscere ed usare i pot-odds (il rapporto tra l'ammontare del piatto ed il valore della puntata richiesta per entrarvi), gli implied-odds (ossia prevedere le proprie possibilità di vincita per meglio valutare i rischi) e gli overlay (puntata nella quale il giocatore gode di un vantaggio). Le buone maniere durante il gioco lo rendono più piacevole e scorrevole. I giocatori professionisti sanno che offendere o insultare altri giocatori potrebbe inibire il gioco e favorire i giocatori più scarsi. Se l’andamento del gioco viene compromesso ci saranno meno mani in un’ora. Un comportamento adeguato velocizza il gioco e lo rende più divertente.

Torna all'inizio